Riunione per l’energia eolica in India

Cosa succede quando un gruppo di deputati intelligenti e ben informati del Parlamento vengono buttati in una stanza piena di esperti di energia rinnovabile?
Un sacco di domande pertinenti vengono poste, le soluzioni vengono discusse e i piani di azione per sfruttare l’energia pulita vengono tracciati.Energia eolica in india, necessario più sostegno da parte del governo

Questo, in estrema sintesi, è ciò che è accaduto in occasione della prima giornata sul Clima a Bangalore sabato scorso.

“Quando sia l’energia nucleare e l’energia eolica contribuiscono ciascuno il 3% della produzione totale di energia nel paese, perché il governo di promuove e investe in energia nucleare, e non l’energia eolica, che è quasi interamente finanziata dal settore privato?” Questo è stata una delle domande che sono emerse durante l’incontro.

Era V Subramanian, ex segretario generale, ora portavoce dell’Indian Wind Energy Association, che per primo ha sollevato il fatto che riguarda la produzione di energia nucleare rispetto all’energia eolica in India.

“L’energia nucleare è importante. Ma l’energia eolica è meglio. Dal 2007, con quasi il 100% degli investimenti da parte del settore privato, la produzione di energia eolica è più di quella nucleare “, ha detto.

Per questo, il dottor Anshu Bharadwaj, direttore esecutivo del Centro per lo Studio della Scienza, Tecnologia e Politica (CSTEP), ha aggiunto che il settore nucleare riceve ingenti investimenti da parte del governo indiano e produce solo circa il 3% del fabbisogno energetico totale.

“L’energia prodotta dal vento è anche attualmente il 3% dopo che la produzione è scesa dopo che il governo ha portato via la maggior parte degli incentivi”, ha detto Bharadwaj.

L’esperto di energie rinnovabili, che ha anche avuto una vasta esperienza amministrativa, essendo stato un ufficiale dell’Indian Administrative Services (IAS) per 15 anni prima di entrare nel CSTEP, si è affrettato ad aggiungere che non è energia anti-nucleare.

Karnataka da solo ha un potenziale eolico di 4,5 MW, il dottor Meera Sudhakar, analista senior, CSTEP, ha detto citando il caso di studio.

“Anche i calcoli più modesti dicono che produrre 45.000 MW non è difficile. E possiamo toccarlo con un costo di `3,8 per kWhr. Proprio facendo uso delle terre desolate in Bellary, Chitradurga, Chamrajnagar, Chikballapur, Hassan e Koppal, 30.000 MW possono essere generati” ha detto.

Tamil Nadu è leader nella produzione di energia eolica. Sono riusciti a toccare circa il 50% del loro potenziale e il 35% del loro fabbisogno energetico è stato raggiunto attraverso l’energia eolica.

Nove anni fa, gli Stati Uniti, l’India e la Cina erano quasi alla pari nell’utilizzo di energia eolica. Gli Stati Uniti erano leggermente più avanti dell’India e la Cina era appena dietro l’India.

Ma la Cina e gli Stati Uniti sono progrediti e attualmente stanno producendo 75.000 MW e 65.000 MW, rispettivamente, quando l’India è in ritardo con 20.000 MW.

La ragione di questo è la mancanza di incentivi da parte del governo e di politiche a lungo termine su energia eolica e altre fonti energetiche rinnovabili, ha dichiarato Ramesh Kymal, presidente e amministratore delegato di Gamesa Wind Turbines Pvt Ltd, che ha fabbricato e installato la maggior parte delle unità di energia eolica in India.

“NAPCC [Piano d’azione nazionale sui cambiamenti climatici] ha fissato un obiettivo di 70.000 MW di energia eolica. Abbiamo la capacità di produzione e le capacità tecniche per gestirle.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno sono piccole modifiche della politica”, ha detto Kymal.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web