Le rinnovabili e le auto elettriche: gli incentivi di Obama

Le fonti rinnovabili hanno una vasta applicazione: lo conferma la politica di Obama negli Stati Uniti, dove si è incentivato sia l’uso dell’auto con motore elettrico, sia lo sfruttamento delle fonti rinnovabili.

L’idea è di dare nuove risorse pubbliche per passare al 29% di energia pulita (soprattutto energia eolica) con cui poi alimentare le centraline elettriche americane necessarie per “fare il pieno” alle auto ibride (elettriche e a metano) e a quelle completamente elettriche. Una scelta importante quella di Obama, se si pensa che gli USA vivono la minaccia del Fiscal Cliff.

rinnovabili auto elettriche

 

In questo modo, l’investimento del Dipartimento per l’Energia (che in Italia non esiste) aumenterebbe del 40% in favore della cosiddetta “Green Tech”, che sviluppa nuovi metodi per utilizzare le fonti rinnovabili. Accanto a questo forte stanziamento di denaro pubblico, si cerca di potenziare le reti a energia pulita direttamente collegate alla rete elettrica nazionale.

Gli impianti fotovoltaici ed eolici vengono così incentivati e si stimolano sia le imprese che i privati a dare una mano attraverso forme di sostegno e il potenziamento dei mezzi pubblici. Insomma, una bella sfida per la Casa Bianca che lancia questa proposta in un momento dove l’energia pulita sta assumendo grande importanza nel mondo.

E in Italia che si fa? Assolutamente nulla. E’ un quadro shock: da un lato le piccole realtà cercano di aggiornarsi con i fondi regionali senza alcun sostegno da parte dello Stato, dall’altro le risorse a disposizione limitate strozzano ogni possibilità di creare nuovi posti di lavoro basati sulla Green Economy.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web