Relè passo passo, una soluzione per l’impianto elettrico nel rispetto ambientale

Quando si fanno lavori per l’impianto elettrico, perché si sta ristrutturando casa, o semplicemente per lavori di manutenzione, ci troveremo a dover decidere quale tipo di interruttori inserire, e quale sia quello migliore per il nostro impianto. Una soluzione in alcuni casi è quella del relè, un sistema che permette di collegare più interruttori, senza aver bisogno di utilizzare troppi fili; tra i vari tipi di relè, uno dei più utilizzati è il relè passo passo, un sistema quasi caduto in disuso, più semplice, che permette di poter aumentare i punti di accensione e interruzione quasi all’infinito.

Cosa è un interruttore

Anche se ci può sembrare molto semplice come concetto, visto che tutti abbiamo a che fare con un interruttore, difficilmente si sa bene come funzioni. Innanzitutto come si sa l’interruttore è un dispositivo con il compito di interrompere il flusso all’interno di un circuito; nel caso di un impianto elettrico l’interruttore interrompe il flusso di corrente. Può essere chiuso, oppure aperto: il primo consente il passaggio della corrente, mentre nel secondo il passaggio viene impedito.

Solitamente si distinguono due soluzioni differenti: l’interruttore di manovra che arresta un circuito attraversato dalla corrente; il sezionatore, che tronca un circuito con corrente nulla. L’interruttore è composto da due contatti metallici, che hanno la possibilità di essere mossi per entrare in contatto, oppure per essere separati.

Esistono naturalmente anche interruttori più complessi che permettono di arrestare allo stesso momento più di un circuito; esistono quindi interruttori unipolari, bipolari, tripolari, quadripolari, etc., sapendo che ogni contatto ad un circuito è detto polo. In caso invece il flusso di corrente sia deviato fra due linee elettriche, il dispositivo sarà chiamato deviatore.

Cos’è il relè

Esistono davvero tantissimi tipi di interruttore più o meno utilizzati, tra questi c’è il relè, una tipologia che viene azionata attraverso un elettromagnete composto da una bobina di filo avvolta ad un nucleo di materiale ferromagnetico. Questa soluzione ha già moltissimi anni ed è stata inventata nel 1835 dal fisico americano Joseph Henry.

Questo interruttore ha un funzionamento abbastanza semplice: la corrente passa nella bobina con il filo, creando un campo magnetico che attira una piccola ancora; questo provoca un effetto che aziona le altra ancorette che permettono il flusso di elettricità.

Anche per quel che riguarda i relè, esistono moltissimi tipi: ci sono i relè neutri con il passaggio dei contatti della bobina sono indipendenti dal verso della grandezza di eccitazione; i relè polarizzati, in cui la bobina invece dipende dal verso della grandezza di eccitazione; i relè a tempo che effettuano automaticamente una determinata manovra; i relè a monostabili in cui la posizione dei contatti si mantiene solo per il periodo di alimentazione; i relè bistabili in cui la posizione viene mantenuta anche dopo il periodo di alimentazione. A quest’ultimo tipo appartengono i relè passo passo.

Cos’è un relè passo passo

Il relè passo passo è stato inventato in Italia da Piero Giordanino negli anni cinquanta, ed è per questo che probabilmente è stata una delle soluzioni più utilizzate nelle case del paese. È possibile trovare i relè passo passo in alcuni negozi specializzati, oppure su siti come Punto Luce.

Questo tipo di interruttore è caratterizzato da un contatto posizionato su una camma, un elemento posto su un asse, che gira di un ottavo del totale della rotazione ad ogni impulso, con il contatto che può trovarsi sul lato del quadro, o semplicemente sul vertice. Questo tipo di relè è utilizzato soprattutto quando ci sono più interruttori da mettere insieme. I relè passo passo accendono la corrente con dei pulsanti: per un interruttore della luce per esempio, premendo una volta è possibile accendere, ripremendo è possibile spegnere.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web