L’economia dell’idrogeno fa un passo avanti

Mettere in pratica il concetto di “economia dell’idrogeno” nella realtà, anche su piccola scala, è stata una strada accidentata, ma gli scienziati stanno sviluppando un nuovo modo per immagazzinare l’idrogeno per facilitare l’allontanamento dai combustibili fossili. Il loro rapporto su un nuovo materiale solido stabile che può contenere una grande quantità di idrogeno che può essere utilizzato come combustibile appare nella rivista Chemistry of Materials della American Chemical Society.

Rappresentazione suggestiva di un atomo di idrogeno
Rappresentazione suggestiva di un atomo di idrogeno

Umit B. Demirci e colleghi spiegano che immagazzinare l’idrogeno in solidi è uno sviluppo recente e un promettente passo verso la costruzione di un’economia dell’idrogeno. Anche se rappresenta una promettente alternativa alle fonti energetiche convenzionali, l’idrogeno ha posto una serie di sfide tecnologiche che gli scienziati stanno ancora superando. Uno di questi problemi ha a che fare con il suo immagazzinamento. In precedenza, i ricercatori si sono concentrati sullo sviluppo di liquidi contenenti idrogeno o sul comprimerlo in forma di gas. Ora, lo stoccaggio solido sta mostrando il potenziale per il contenimento di idrogeno in modo sicuro, stabile ed efficiente. Nel l’ultimo sviluppo su questo fronte, la squadra di Demirci ha puntato su un nuovo tipo di materiale.

Hanno trovato un modo per creare una fase cristallina di un materiale contenente litio, boro e l’ingrediente chiave, l’idrogeno. Per verificare come si fare per estrarre l’idrogeno dal materiale, gli scienziati lo hanno riscaldato e hanno osservato che l’idrogeno veniva liberato facilmente, rapidamente e con poche tracce di sottoprodotti indesiderati.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web