Idroelettrico nelle tubature? Rivoluzione a Hong Kong

Non c’è niente da fare, i Paesi orientali non sono più da “Terzo Mondo”, anzi, ci sorprendono sempre di più. E’ il caso del mini-idro, un sistema di produzione di energia idroelettrica sfruttando… Le tubature cittadine.

Vi sembra impossibile? Eppure il sistema è semplicemente geniale! Come ben sapete, l’acqua viene canalizzata con le tubazioni fognarie nei rubinetti degli utenti finali. Questo passaggio sfrutta anche la forza di gravità, per cui l’acqua incanalata arriva con un’energia cinetica enorme.

fonti rinnovabili idro-elettrico

L’idea della città di Hong Kong è di inserire delle piccole turbine come quella che vedete nell’immagine nelle tubature. Al passaggio dell’acqua le turbine si muovono e generano energia pulita sotterranea perché sono collegate all’impianto per la produzione di energia elettrica.

In questo modo, la città dal fabbisogno elevatissimo riesce a ridurre i suoi costi per l’illuminazione 24 ore su 24 e a dare ai suoi cittadini sia l’acqua che l’energia elettrica in un solo gesto. In più, in caso di surplus, la città può sempre vendere la propria energia all’esterno.

L’ambiente ringrazia, grazie alle emissioni di carbonio ridotte di 560 Kg ogni anno e, una volta inserita la turbina in tutto il reparto fognario, 700 kWh di energia elettrica pulita e low cost. 

Come creare un impianto simile nel nostro Paese? Prima di tutto dovremmo risolvere il problema delle perdite nelle tubature e quindi ristrutturare tutto l’impianto fognario delle nostre città, poi dovremmo inserire le turbine nei punti giusti (e per capirlo, ci vuole uno studio approfondito).

L’Italia però è sempre a corto di fondi disponibili…

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web