Come l’Europa collega i progetti con le fonti rinnovabili

L’Europa è la sede di diversi progetti sulle fonti rinnovabili. Il fotovoltaico, l’eolico e il termodinamico sono forse i sistemi più noti, ma le ricerche ci portano più avanti, con nuove strutture che sanno combinare più fonti rinnovabili grazie alla “cogenerazione”, oppure con centrali che sfruttano la novità dell’idrogeno.

Questi nuovi sistemi sono sempre ridotti a piccolissime perle, perché la prima idea delle società elettriche è naturalmente quella di non lasciare gli utenti al buio (e come ben sappiamo, le fonti rinnovabili non sono sempre immediatamente disponibili).

fonti rinnovabili Europa

Tra questi progetti, spicca la centrale elettrica in chiave eco-compatibile di Kombikraftwerk2, in Germania, che ha creato una rete durante la Fiera di Hannover (svoltasi dall’8 al 12 Aprile scorsi) capace di collegare online (con le statistiche) tutte queste piccole rivoluzioni europee.

Il progetto collega ben 25 aziende eco-compatibili che sfruttano diverse fonti rinnovabili combinate e risolvono l’esigenza delle società elettriche di non interrompere il servizio: infatti, le sedi non si trovano tutte nello stesso punto. Questo consente di produrre sempre energia elettrica pulita, perché se in una zona piove e non si può sfruttare il fotovoltaico, dall’altra è possibile produrre con condizioni climatiche diverse.

Una bella innovazione quella dell’azienda tedesca in chiave europeista che si muove dove gli Stati non ne hanno nemmeno parlato. Dispiace vedere come tante iniziative si realizzino “in solitaria”, ma siamo sicuri che su questa linea l’Europa possa diventare un centro di livello per le fonti rinnovabili (e non soltanto a livello produttivo, ma soprattutto dal punto di vista culturale).

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web